Crisi, Francia: spread su Bund oltre i 200 punti base. Un altro Paese in crisi?

Nicolas Sarkozy

CRISI FRANCIA SPREAD – Francia vede spread su Bund salire. Presto in crisi? La crisi italiana ha iniziato una nuova fase con il governo tecnico Monti. Ieri è stata sciolta la riserva al Quirinale e presentata la lista dei ministri ma nonostante ciò i miglioramenti sono in parte giunti per Piazza Affari ma non per il differenziale tra il rendimento dei titoli di Stato italiani decennali e il Bund tedesco, spread, che non ha virato in maniera decisa verso un netto miglioramento, anzi. Sicuramente questo periodo non coinvolge solo il Paese Italia, bensì gran parte dell’Europa. In particolare la Francia stamane è entrata in una nuova fase della crisi con lo spread che ha raggiunto quota 200 punti base. Il Paese si annovera in una lunga lista di nomi tra cui quelli di Belgio, Olanda, Austria, Spagna e Italia.

La crisi si fa sentire in Borsa con gli indici che quasi ogni mattina aprono con il segno negativo e che difficilmente riescono a risalire la china entro fine seduta. In particolare stamane la Borsa di Parigi ha iniziato la giornata con un -0,78%. In Italia la situazione a livello di indici è leggermente migliore con l’indice Ftse Mib a -0,65% e il Ftse All Share perde lo 0,54%. Tuttavia a preoccupare continua ad essere lo spread ancora a livelli preoccupanti sopra i 500 punti base. In apertura era infatti pari a 519 punti, per salire poco dopo, come negli ultimi due giorni, a 530.

L.B.