Silvio Berlusconi a Verona: “Continuiamo a combattere per la nostra libertà”

 

SILVIO BERLUSCONI A VERONA – L’ex premier Silvio Berlusconi stamane è stato a verona in occasione del convegno dei Popolari liberali di Carlo Giovanardi, accompagnato dal segretario del Pdl Angelino Alfano. La sua entrata nella sala convegni dell’hotel Leon d’Oro è stata accompagnata da applausi e cori “Silvio Silvio!” e dopo essersi appuntato una spilla con la scritta “Love no drugs“, realizzata dall’ex sottosegretario Giovanardi quando era a capo del dipartimento Politiche antidroga, è salito sul palco ed ha esordito parlando delle prossime elezioni: “Raddoppierò l’impegno per quanto riguarda l’organizzazione del partito – ha dichiarato il Cavaliere -. E per il nostro futuro e per la vittoria che dobbiamo conseguire siamo in ottime mani”, dice riferendosi al suo braccio destro Angelino Alfano. Dal palco veronese attacca il centrosinistra e la deriva comunista, stimoli che lo spinsero a scendere in politica nel 1994: “Siamo convinti – ha continuato Berlusconi – che i nostri valori sono i migliori per la famiglia. Siamo convinti che l’opposizione non sia matura, che il Partito democratico non sia un partito social-democratico. Noi siamo convinti che lo Stato deve essere al servizio del cittadino. Loro credono il contrario. Per questo dobbiamo continuare a combattere per la nostrà libertà… Per questo siamo stati, siamo e resteremo in campo. Per garantire ai nostri figli di poter vivere in un Paese democratico e libero. Con tutte le nostre forze, come un partito che ha la carta della democrazia, come Popolo della Libertà, per garantire a ciascuno di noi un futuro di libertà e prosperità”. Infine la promessa, tipica di ogni campagna elettorale, di rinforzare i rapporti diretti con i cittadini anche attraverso il web: “Lavoreremo per creare un contatto quotidiano con tutti gli italiani, anche attraverso Internet”.

 

Luigi Ciamburro