Processo Mills, Berlusconi torna ad attaccare la magistratura. Udienza aggiornata al 19 dicembre

Silvio Berlusconi

PROCESSO MILLS: BERLUSCONI ATTACCA MAGISTRATI – Uscendo dal tribunale di Milano, dove si è svolta l’udienza per il processo Mills, Silvio Berlusconi si è lanciato in un’accesa invettiva contro i giudici. L’attacco alla magistratura è uno dei cavalli di battaglia dell’ex premier, che per la milionesima volta grida alla persecuzione giudiziaria.
Berlusconi ritiene che il processo, che lo vede imputato per corruzione in atti giudiziari nei confronti dell’avvocato inglese David Mills, come “farraginoso” e ritiene che da parte dei magistrati ci sia “una pervicacia incomprensibile“. “Tutte le persone che erano in aula – aggiunge – alcune pagate dai contribuenti italiani e altri dal sottoscritto, perdevano tempo. Ho fatto fatica a non addormentarmi”. In realtà, malgrado gli sforzi, Berlusconi si è addormentato davvero, almeno stando a quanto riferiscono vari organi stampa: seduto vicino ai suoi avvocati, l’ex presidente del Consiglio si è assopito per almeno una decina di minuti.

Berlusconi, comunque, si dice tranquillo e sottolinea che il procedimento a suo carico “non avrà nessun esito giuridico, perché a febbraio c’è la prescrizione”.

Il processo è stato aggiornato al 19 dicembre prossimo.

Redazione online