Fiat, Marchionne fa dietrofront e smentisce l’intenzione di abbandonare l’Italia

Sergio Marchionne

FIAT: MARCHIONNE SMENTISCE INTENZIONE DI ABBANDONARE L’ITALIA – Le dichiarazioni rilasciate ieri da Sergio Marchionne hanno sollevato un polverone. L’ad di Fiat ha minacciato – per l’ennesima volta – di portare il marchio torinese fuori dall’Italia, confermando, almeno a parole, le accuse della Fiom. “Siamo una multinazionale e abbiamo attività in tutto il mondo: potremmo andare avanti anche senza l’Italia”, ha dichiarato ieri l’ad del Lingotto.

Tuttavia la minaccia sembra destinata a restare sul piano astratto visto che oggi è lo stesso Marchionne a fare dietrofront, smentendo dunque il progetto di portare il marchio all’estero. Partecipando ad una conferenza stampa a Bruxelles, il numero uno di Fiat ha spiegato che l’azienda non sta “allentando l’impegno” nei confronti dell’Italia e che “la sopravvivenza finanziaria della Fiat, nonostante un problema in Italia, non è in dubbio”. “Fortunatamente – precisa – abbiamo creato una realtà industriale al di fuori che riuscirebbe a sostenere l’azienda anche in un momento difficile”.

Redazione online