Lega: aperto stamane il Parlamento della Padania

Umberto Bossi

LEGA PARLAMENTO PADANIA – Stamane il presidente della Lega, Federico Bricolo, ha aperto il Parlamento della Padania. “A Roma, alla Camera e al Senato, faremo da soli opposizione. Sarà in questo Parlamento che andremo tutti assieme a decidere del nostro futuro”.

Solo Umberto Bossi e solo la Lega – ha spiegato – avevano previsto” i problemi a cui sarebbe andato incontro l’euro. “Tutti gli altri dicevano l’opposto. Entrata nell’euro l’economia sarebbe cresciuta. Ora siamo al baratro, l’euro rischia di saltare, molti Paesi rischiano il default” e “Si sono riuniti tutti in una vera ammucchiata di sostegno al governo Monti“.

In merito all’apertura del Parlamento l’ex ministro Roberto Calderoli, ha spiegato: “La missione del parlamento della Padania è l’indipendenza della Padania”. “Il governo Monti non è legittimo, perché non è stato votato da nessuno“, ha spiegato. “Questo parlamento – ha continuato – non può essere solo la grancassa per dare pubblicità alle iniziative della Lega. Non basta soltanto gridare secessione per realizzare l’indipendenza della Padania. E’ una strada difficile, in salita, probabilmente rischiosa”.

“Rispetto a questo tipo di governo noi potremmo sederci sulla riva del fiume a vedere il suo cadavere. Questo porterebbe molti voti. Ma noi – ha sottolineato – non siamo qui per i voti in più, ma per portare a casa l’indipendenza della Padania“.

Chiaro sull’organizzazione interna, infatti Calderoli ha fatto sapere che “la Lega dovrà sottoscrivere un giuramento per cui ciascuno si impegna affinché si possa realizzare l’indipendenza della Padania“. Quindi, “o non prendi la tessera, o se prendi la tessera la prendi per fare l’indipendenza della Padania. Punto. Se ci fossero cose diverse, sarebbero degli spergiuro e trattati da tali”.

Redazione online