Crisi, la Bce soccorre la zona euro e riduce i tassi di interesse all’1%. Dall’Eurotower aiuti alle banche

Mario Draghi

CRISI EURO: BCE TAGLIA TASSI E AIUTA BANCHE – Quella di oggi è una giornata cruciale per i tentativi di salvataggio della zona euro che i leader europei stanno mettendo in atto da qualche mese. A Bruxelles sta andando in scena l’incontro tra i capi di Stato e di governo del vecchio continente, che entro domani dovrebbero trovare un’intesa in merito a due questioni chiave: la tutela della moneta unica e la modifica dei Trattati Ue.

Mentre tutto il mondo attende con il fiato sospeso l’esito del vertice, un aiuto a Eurolandia arriva dalla Bce, che, a poco più di un mese dal taglio del costo del denaro attuato nei primi giorni della presidenza di Mario Draghi, comunica un’ulteriore sforbiciata ai tassi di interesse, che scendono così all’1%. Il provvedimento, atteso dai mercati, porta i tassi al livello minimo mai raggiunto nella storia della moneta unica.
La decisione è stata annunciata proprio da Draghi, che ha spiegato che in questo momento in Europa regna una “grande incertezza” e che sono presenti “tensioni di mercato intensificate”.

I vertici dell’Eurotower hanno inoltre deciso di lanciare un salvagente alle banche, agevolando i prestiti e offrendo agli istituti finanziari liquidità senza limiti a tre anni.

T.D.C.