A Milano polveri sottili alle stelle nonostante il blocco del traffico

MILANO: BLOCCO TRAFFICO NON FA SCENDERE POLVERI SOTTILI – Anche oggi, dalle 10 alle 18, i milanesi hanno lasciato le auto in garage in ossequio al blocco del traffico deciso dal Comune. Per l’occasione l’Atm, l’azienda dei trasporti del capoluogo lombardo, ha sfoderato l’artiglieria pesante, facendo viaggiare a pieno regime tutti i treni disponibili per evitare episodi di intasamento della metropolitana.
La prima giornata di stop si è svolta ieri con risultati soddisfacenti, almeno stando a quanto si apprende da fonti del Comune: più di 50 posti di blocco sono stati messi in atto dai vigili urbani in tutta Milano e, su 3.700 controlli, sono state comminate solo 800 multe. Il sindaco Pisapia si complimenta con i suoi concittadini per il loro “senso civico” e li ringrazia per aver “compreso il significato di una scelta drastica ma necessaria”. Il provvedimento, infatti, è stato emanato dopo che per diversi giorni le polveri sottili hanno raggiunto livelli preoccupanti.

Tuttavia, se da una parte il rispetto del blocco può essere motivo di soddisfazione per l’amministrazione comunale, dall’altra gli effetti del provvedimento sul fronte smog tardano ad arrivare. Le polveri sottili infatti continuano a preoccupare: ieri l’Arpa ha rilevato come il Pm 10 fosse andato di nuovo oltre la soglia di guardia, arrivando a quota 74mg/mc.
La speranza è dunque che per vedere gli effetti dello stop alle auto si debba attendere qualche giorno, per dare il tempo alla concentrazione di polveri sottili di diminuire.

Redazione online