Accordo Ue, Barroso: risultati insufficienti, necessario rilanciare crescita e occupazione

Josè Barroso

ACCORDO UE BARROSO – Nonostante il vertice Ue di Bruxelles, la situazione nella zona euro non si prospetta in via di miglioramento. Sono state parole dure quelle dette dal presidente della Commissione dell’Unione europea, Josè Barroso, il quale alla planaria di Strasburgo ha sottolineato come l’accordo raggiunto al summit non sia abbastanza. La motivazione inoltrata dal presidente Barroso è stata che l’urgente problema da risolvere “non è solo di conti pubblici ma anche finanziario, quindi serve rilanciare crescita e occupazione“.

In merito il commissario agli affari economici, Olli Rehn ha spiegato che “il governo britannico ha sostenuto e votato il six pack che già contiene regole per una sorveglianza rafforzata, e quindi anche deficit e debito della Gran Bretagna subiranno gli stessi monitoraggi di tutti gli altri, anche se le alcune regole del six pack si applicano solo ai Paesi dell’Eurozona”. “Vogliamo – ha continuato – che la Gran Bretagna sia al centro dell’Europa, non al lato“, ha poi concluso Rehn.

In merito il premier inglese David Cameron aveva chiesto a Bruxelles un protocollo aggiuntivo all’accordo per esonerare la City di Londra dall’applicazione delle nuove regole sui servizi finanziari, condizione definita dal presidente francese Sarkozy inaccettabile. Immediata l’accusa del premier francese, rivolta al Regno Unito, di non aver permesso il raggiungimento di un accordo all’unanimità.

Redazione online