Hdc: Luigi Crespi condannato a sette anni di carcere. Assolti Confalonieri e Messina

Tribunale di Milano

SENTENZA HDC: SETTE ANNI LUIGI CRESPI – Il Tribunale di Milano ha emesso la sentenza in merito al processo per inerente al crac di Hdc. Un totale di 13 condanne e circa 5,2 milioni di risarcimento in via provvisionale sono stati chiesti alla società di Luigi Crespi, ossia l’uomo che formulò il contratto con gli italiani esposto nel 2001 nella trasmissione di Bruno Vespa ‘Porta a Porta’.

Nello specifico Crespi è stato condannato a sette anni di carcere, 5 anni e mezzo a Giuseppe Rochira, 5 anni ad Andrea Marini, 4 anni e mezzo alla moglie del fratello di Crespi, Natascia, 4 anni a suo marito Ambrogio, 3 anni ad Angelo Raffaele Tosto, 2 anni e mezzo a Ferdinando Superti e Ascanio Turco, 2 anni e due mesi a Maurizio Novebaci e a Massimo Mingolla, 2 anni all’ex manager di Publitalia Fulvio Pravadelli e a Valerio Bello che però ha patteggiato.

Assolto invece il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri e il parlamentare Pdl ed ex manager di Fininvest Alfredo Messina, entrambi accusati di favoreggiamento.

Redazione online