Minzolini solidale con Santoro: “Anch’io farò causa alla Rai”

Augusto Minzolini

RAI: MINZOLINI CHIEDE REINTEGRO AL TG1Augusto Minzolini si schiera dalla parte di Michele Santoro. Incredibile ma vero. L’uomo di Silvio Berlusconi al Tg1 che si dice solidale con il giornalista che per anni ha attaccato, criticato e sfidato il Cavaliere e il suo potere politico e mediatico. Certo, non è proprio tutto oro quello che luccica. Il trucco in questo caso sta nel fatto che la solidarietà di Minzolini arriva con qualche mese di ritardo e appare, a voler pensare male, abbastanza interessata. L’ex direttore del Tg1, rimosso dall’incarico dopo essere stato rinviato a giudizio per peculato, ha infatti paragonato la sua situazione a quella di Santoro, che più di una volta si è trovato ad affrontare la Rai in sede legale e che qualche mese fa è stato praticamente costretto a lasciare l’azienda di viale Mazzini.

“Se me lo avessero chiesto se ne poteva anche parlare (delle spese effettuate con la carta di credito aziendale per cui è stato rinviato a giudizio, ndr) ma hanno applicato per la prima volta una norma che è inapplicabile solo per farmi fuori – dice Minzolini ai microfoni del programma La Zanzara, su Radio24 – Mi hanno proposto di andare a New York, ma per ora non accetto nulla e vado avanti con il ricorso. Devi fare per forza così per difenderti, uso gli stessi metodi dell’azienda. Ora capisco Santoro con i suoi ricorsi e i tribunali. Ha fatto bene“.

Minzolini, dunque, sembra deciso a chiedere il reintegro per vie legali. Lo sottolineano anche i suoi avvocati, Federico Tedeschi e Nicola Petracca, che spiegano di aver ricevuto proprio a questo scopo “ampio mandato per procedere in sede giudiziaria e in via d’urgenza”.

T.D.C.