Omicidio a Putignano: Antonella Riotino uccisa dal fidanzato, Antonio Giannandrea confessa

 

OMICIDIO A PUTIGNANO – Antonella Riotino era una ragazza di 20 anni che frequentava il quarto anno di un istituto superiore del paese, Putignano, un paesino in provicia di Bari. Una sera non torna a casa, i genitori ne denunciano la scomparsa e ieri sera sera il suo cadavere è stato ritrovato in una scarpata, con la gola tagliata. A far ritrovare subito il corpo di Antonella sono state le dichiarazioni del fidanzatino 18enne, Antonio Giannandrea, figlio di un infermiere e ritenuto in paese un bravo ragazzo: messo subito sotto torchio dai carabinieri della compagnia di Gioia del Colle il ragazzino ha confessato. In poche ore Antonio crolla e confessa il delitto sentimentale, dopo aver passato il pomeriggio a depistare le indagini su Facebook. Ma i motivi precisi sono ancora da accertarsi e l’arma del delitto ancora non è stata trovata. Inoltre i carabinieri vogliono accertarsi che la mano assassina sia una sola e stanno interrogando gli amici della vittima.

 

L.C.

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan