Calciomercato Milan, esclusivo Simona Marchetti: “Il rinnovo di Allegri? Se Guardiola si libera a giugno…”

INTERVISTA SIMONA MARCHETTI – Cara Simona, lieti di ospitarti a Direttanews. L’accoppiata Tevez-Milan sembrava cosa ormai fatta, ma oltre al Psg (già fuori dai giochi) ora anche l’Inter sta tentando in tutti i modi di arrivare all’Apache: come si concluderà a tuo parere questa estenuante trattativa?

L’offerta dell’Inter è stata presentata e ora Milan e Inter attendono la risposta del Manchester City, ma credo che alla fine la spunteranno i rossoneri, forti della preferenza del giocatore che, in casi come questi, ha sempre un peso maggiore sui desideri del club. Vero, all’Inter Tevez guadagnerebbe forse di più, ma ha più volte ribadito di volere il Milan e le trattative fra il suo agente e Adriano Galliani mi sembrano ormai troppo avanti per poter pensare che finiscano diversamente. E poi non credo che Tevez accetterebbe di fare un regalo a Mancini accettando l’Inter……. 

In casa Milan si parla sempre di più di una possibile cessione di Pato (destinazione Parigi, dove lo aspetta Carlo Ancelotti a braccia aperte) e del rinnovo del contratto del tecnico Allegri: come risolverà il club di via Turati queste due situazioni?

Per quanto riguarda Pato, credo che fino a giugno non succederà nulla e indubbiamente il Psg rappresenta la soluzione più logica, vista la presenza di Ancelotti. Ma non sottovaluterei nemmeno Manchester City e Real, che hanno disponibilità economiche importanti. Occhio però anche ad Ibrahimovic: non sono così sicura che alla fine resterà al Milan e le sue frasi sul desiderio di smettere fra un paio di anni danno da pensare…… E se alla fine se ne andasse lui e non Pato? Quanto ad Allegri, il rinnovo sembra cosa fatta, ma la firma rimandata a dopo il derby e qualche “dettaglio” economico ancora da sistemare potrebbero creare del malumore fra le parti e magari portare ad una clamorosa rottura. In fondo, c’è un certo Guardiola che potrebbe liberarsi a fine anno e visto che Milan e Inter hanno cominciato l’anno facendosi qualche scherzetto di troppo, perché non continuare? 

Il derby  meneghino di domenica sera vede nettamente favorito il Milan; per Ranieri questo importante appuntamento rappresenta l’ultima spiaggia per rimanere in corsa per lo scudetto? Ritieni che l’Inter farebbe meglio a concentrare le proprie forze in Champions League e trascurare il campionato?

Sulla carta (e classifica alla mano) il Milan parte favorito nel derby, ma l’Inter viene da un ciclo più che positivo e quella del derby è sempre una mossa motivazionale importante. Certo, è l’ultima spiaggia per pensare di rientrare nella lotta scudetto e, forse, anche la storia di Tevez è legata al risultato del derby, perché in caso di sconfitta la società nerazzurra potrebbe decidere di concentrarsi sulla Champions League, dove fra l’altro Tevez non può giocare.

Dacci un commento sul sorteggio europeo che vede contrapposte le nostre italiane (Inter, Milan e Napoli) con le rispettive avversarie (Marsiglia, Arsenal e Chelsea)…

Credo che l’avversario più difficile sia toccato al Napoli, perché il Chelsea fa paura, anche se non sta facendo una stagione esaltante. Ma l’obiettivo chiesto da Abramovich a Villas-Boas è chiaro: il russo vuole vincere la Champions League e ha tutti i mezzi per farlo, a maggior ragione se riuscirà a rafforzarsi ulteriormente durante il mercato di gennaio. Anche il Milan non ha pescato bene, perché l’Arsenal è temibile e, soprattutto, in ripresa, senza contare che non vince nulla da troppo tempo e che Arsene Wenger vorrebbe chiudere l’esperienza coi Gunners (tanti lo danno partente in estate) vincendo un trofeo. Quanto all’Inter,  sulla carta il Marsiglia è abbordabile, ma come dice Mourinho la Champions League è fatta di episodi e anche la gara apparentemente più semplice può nascondere insidie impreviste. Di certo, una Champions League senza il Manchester United non capita ogni anno, quindi credo che le italiane dovrebbero approfittarne.

Quale sarà il colpo di mercato per quanto riguarda la Serie A e il mercato europeo?

A gennaio, Tevez a parte, credo sarà difficile che arrivino altre stelle di primissima grandezza nel nostro campionato, anche se terrei sempre d’occhio Drogba, mentre in estate qualche gioco potrebbe aprirsi e se il sogno sono Wayne Rooney e Gareth Bale (ma le loro valutazioni per noi sono improponibili), c’è sempre un certo Balotelli che continua a dire che se lascia il City è per tornare in Italia……    

Simone Ciloni

 

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca qui e diventa fan