Irlanda del Nord: la famiglia di Pat Finucane (morto durante i Troubles) fa causa a David Cameron

David Cameron

L’IRLANDA DEL NORD E I TROUBLES – La famiglia dell’avvocato nordirlandese Pat Finucane, ucciso durante i Troubles in Ulster, ha avviato oggi una causa legale contro il primo ministro inglese David Cameron. La decisione dei parenti di Finucane arriva successivamente alla presa di posizione di Cameron, il quale ha rifiutato di lanciare un’inchiesta indipendente sulla morte dell’attivista cattolico.

Il caso Finucane è uno dei più scottanti relativi al periodo della guerra civile in Irlanda del Nord, in quanto l’avvocato, ammazzato nella propria casa nel 1989 da alcuni paramilitari lealisti, curava la difesa di molti repubblicani all’epoca processati per crimini politici.

Durante un incontro, avvenuto l’11 ottobre scorso a Londra, con il primo ministro, Geraldine, vedova di Finucane, e altri componenti della famiglia avevano ricevuto la proposta di seguire le indagini portate avanti per conto del governo inglese dall’avvocato Desmond De Silva. I risultati delle ricerche e l’analisi dei fatti che hanno portato all’uccisione del professionista nordirlandese saranno pronti entro il prossimo dicembre, ma i Finucane non si accontentano e pretendono che, oltre alla semplice revisione del caso attualmente in corso, si inauguri una vera e propria investigazione pubblica ed indipendente.

Secondo il parere dell’intera famiglia e dei molti che negli ultimi mesi hanno appoggiato la campagna con cui si richiede l’avvio dell’inchiesta, il rifiuto di Cameron sarebbe un insulto alla memoria di chi come Pat Finucane, perse la vita nella stagione del conflitto in Irlanda del Nord.

Nel 2001 Tony Blair, allora a capo del governo britannico, aveva promesso, durante i negoziati di Weston Park, che sarebbe stata fatta luce sull’omicidio e sarebbe stata istituita un’udienza pubblica e attraverso questa, chiudere il caso e far giustizia.

“Abbiamo scelto di far causa alla corte perché giudichiamo le indagini sulla revisione dei fatti insoddisfacenti. Il governo inglese non può fare ricerche autonomamente su un caso che lo vede direttamente coinvolto” ha dichiarato, Michael, figlio di Pat.

Il premier irlandese Enda Kenny ha manifestato il proprio sostegno alla causa dei Finucane ed ha ammesso la divergenza di opinione sulla vicenda rispetto al proprio collega britannico.

 

Nicoletta Mandolini