Il 20 gennaio 1935 nasceva Antonino Scopelliti, magistrato ucciso dalla mafia

Antonino Scopelliti

20 GENNAIO 1935: ANNIVERSARIO NASCITA SCOPELLITI – Nel lungo elenco degli eroi italiani che hanno dato la vita per la lotta alla mafia figura anche Antonino Scopelliti, ragazzo prodigio della magistratura ucciso da Cosa Nostra nell’agosto del 1991.
Scopelliti nasce a Campo Calabro il 20 gennaio 1935e a 24 anni è già uno dei pm della Procura di Roma. In seguito passa alla procura di Milano, poi alla Corte d’Appello in qualità di procuratore generale e, infine, alla Corte di Cassazione. Scopelliti rappresenta la pubblica accusa in vari procedimenti giudiziari relativi ad episodi di terrorismo e di mafia: è il caso del primo processo sull’omicidio di Aldo Moro, di quello sulla Strage di Piazza Fontana e di quello sulla strage del Rapido 904.

All’inizio degli anni Novanta Scopelliti è sul punto di rigettare i ricorsi in Cassazione avanzati dai legali dei boss mafiosi già condannati nel maxiprocesso ai vertici di Cosa Nostra ma non fa in tempo a portare a termine il lavoro: è il 9 agosto del 1991 quando due uomini a bordo di una moto lo aspettano su una strada non lontano da Campo Calabro e lo uccidono con due colpi di arma da fuoco alla testa.
Per l’omicidio vengono avviati due procedimenti giudiziari: il primo contro Totò Riina e altri membri della cosiddetta Cupola di Cosa Nostra e un altro nei confronti di Bernardo Provenzano e altri componenti di una sezione regionale dell’organizzazione mafiosa. Le sentenze d’Appello, pronunciate nel 1998 e nel 2000, hanno assolto gli imputati per le discrepanze rilevate nelle testimonianze dei pentiti.

Gli inquirenti ritengono comunque che per l’omicidio di Scopelliti sia stato il frutto di un’azione congiunta di Cosa Nostra e della ‘ndrangheta: secondo quanto emerso dalle dichirazioni di alcuni collaboratori di giustizia, infatti, la mafia siciliana avrebbe chiesto all’organizzazione criminale calabrese di eliminare il magistrato, che si apprestava appunto a farsi rappresentante della pubblica accusa nel maxiprocedimento di Palermo.

Tatiana Della Carità 

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan