Svezia: Göran Hägglund rieletto leader della Democrazia Cristiana

Göran Hägglund

POLITICA IN SVEZIAGöran Hägglund continuerà a guidare il partito della Democrazia Cristiana: la decisione è stata presa dal congresso nel corso del weekend. Non si è trattato di una semplice formalità: Hägglund ha dovuto vedersela con Mats Odell sostenuto dalle forze più conservatrici del partito ma anche dalla Lega giovanile.

Per Hägglund si tratta di un gran risultato personale, considerato che negli ultimi mesi tutto lasciava supporre che il consenso nei suoi confronti fosse sceso a livelli troppo bassi per puntare alla rielezione. Feroci critiche lo avevano travolto dopo lo scivolone elettorale del settembre 2010, quando il partito aveva raccolto appena il 5,6%. Non era stato un episodio isolato: quella dei Cristiano Democratici è una caduta costante che va avanti da anni, basta pensare che nel 1998 il partito aveva ottenuto quasi il 12%.

Gli ultimi sondaggi danni il Cristiano Democratici vicini a quel 4% indispensabile per essere rappresentati in parlamento. Gli anni di Hägglund hanno dimezzato i consensi, dunque, ed è in questa cornice che si è svolto il congresso. E Hägglund ne è uscito vincitore: 198 voti per lui, 88 per Odell. Ma al di là dell’aritmetica, il partito resta diviso. Anche chi ha votato per Hägglund chiede un cambiamento politico tangibile.

Hägglund guida i Cristiano Democratici dall’aprile del 2004, quando raccolse l’eredità di Alf Svensson. Classe 1959, da sempre nella Democrazia Cristiana, nel2006 haportato il partito nell’Alleanza perla Svezia, coalizione di centro-destra guidata dal premier Reinfeldt, oggi al secondo mandato. Hägglund è ministro della Sanità e degli Affari Sociali dall’ottobre del 2006.

 

Antonio Scafati