Megaupload chiuso e Dotcom resta in carcere…ora i film gratis si scaricano su Rapidshare

MEGAUPLOAD CHIUDE E RAPIDSHARE VIVE – E’ di pochi minuti fa la notizia che al fondatore di Megaupload, Kim Dotcom, non è stata concessa la cauzione e quindi dovrà rimanere in carcere fino al 22 febbraio, il giorno previsto dell’udienza per l’estradizione, un mese e due giorni dopo il suo arresto. Megaupload, il portale americano di file sharing più famoso al mondo, in vita dal 2005 fino a poche settimane fa, avrebbe fatto guadagnare in maniera illegale 175 milioni di dollari postando e facendo scaricare (in maniera gratuita e a pagamento tramite l’abbonamento al sito stesso) musica, film e video protetti da copyright

Milioni di internauti erano stati colti dalla disperazione quando Megaupload era stato chiuso. Ma dopo alcuni giorni di scoramento totale, i siti che facevano lo “stesso” lavoro di Megaupload hanno capito che, con qualche accortezza, potevano continuare tranquillamente a postare e far scaricare film e musica gratis. E’ il caso di Rapidshare, sito di file sharing che continua a fare questo tipo di lavoro. Naturalmente le persone sanno che anche loro possono andare incontro a sanzioni qualora si scarichino prodotti protetti da copyright, ma ormai è una pratica diffusissima su internet.

 

Redazione Online