Mario Monti negli Usa: Barack Obama loda l’Italia, oggi missione a Wall Street

 

MARIO MONTI NEGLI USA – Il premier Mario Monti è stato ricevuto alla Casa Bianca dove ha accolto una triplice approvazione da parte del Congresso che crede nella svolta italiana, di Barack Obama che approva i provvedimenti e la sua capacità di toccare i poteri forti (liberalizzazioni) e da parte della rivista ‘Time’ che gli dedica la copertina. Stati Uniti e Italia sembrano collegati da un filo economico sempre più indissolubile oltre che storico e la crisi del Vecchio Continente spaventa così tanto il Paese a stelle e e strisce che sono in tanti a sperare in un Super Mario capace di arginare la recessione.E il Professore illustra la sua ricetta ‘salva Europa’ dinanzi alla platea del Peterson Institute: rafforzamento del mercato unico, liberalizzazioni e apertura alla concorrenza degli altri Paesi. Il segreto del successo? Scontentare tutti in egual maniera, una linea di massima che gli sta facendo strada in Italia e che ha portato al varo del pacchetto liberalizzazioni.

 

I problemi italiani non sono certo risolti, sotto certi aspetti la situazione è ancora drammatica e lo spread continua a rappresentare una costante minaccia, ma Mario Monti sa bene che l’atmosfera è cambiata e fa leva sull’incontro americano per rilanciar le sue scelte: “l’incoraggiamento del presidente Obama aiuta il mio governo a continuare sulla strada delle riforme strutturali” e questo incontro “dà più peso alla voce dell’Italia in Europa, perchè basata sul riconoscimento degli sforzi fatti dall’Italia verso il risanamento”, così da avere maggior peso diplomatico e convincere la cancelliera Angela Merkel a procedere sulla strada delle riforme su scala europea. “Ho portato, su richiesta della cancelliera tedesca, Angela Merkel, uno o due messaggi al presidente Obama in materia di politica economica”,  ha dichiarato il premier, specificando che non si chiede alla Germania di usare il suo avanzo commerciale per sostenere l’economia dell’Ue, ma uno sforzo maggiore sull’apertura del suo mercato interno, specie nel settore dei servizi.

Barack Obama ha tessuto lodi e lodi per Monti ancor prima che approdasse a Washington e l’incontro è avvenuto nella massima distensione, familiarità e calore: “Ho piena fiducia nella leadership di Monti e spero possa traghettare l’Italia attraverso questi tempi difficili”, ha affermato Obama al termine dell’incontro. “Voglio solo dire quanto noi apprezziamo la poderosa partenza e le misure molto efficaci che sta promuovendo” e ringrazia il nostro Paese per aver partecipato alle sanzioni contro il programma nucleare iraniano.

Stamane il Professore si recherà a Wall Street per incontrare e tenere un discorso al tempio globale della finanza, al fine di convincere i mercati circa la solidità del sistema Italia. E’ pur vero che il nostro Paese ha un debito superlativo pari a 1900 miliardi di euro, ma il presidente del Consiglio giungerà con una piccola vittoria in tasca: 230 punti di spread recuperati, portandolo al minimo degli ultimi cinque mesi.

 

Luigi Ciamburro

 

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan