Maltempo in Italia: vento forte e mareggiate sconvolgono il Sud, morti due pescatori a Sorrento

 

MALTEMPO IN ITALIA – Dopo l’ondata di freddo e maltempo iniziata con i giorni della merla sulla penisola italiana, le precipitazioni nevose stanno abbandonando pianure e colline per limitarsi ai rilievi più interni e ad alta quota. Ma nelle ultime ore vento, piogge e mareggiate stanno mettendo a soqquadro il Mezzogiorno: a Sorrento due fratelli pescatori, dopo essere usciti per una battuta di pesca, sono stati ritrovati senza vita nei paraggi dell’isola di Capri, mentre resta ancora bloccata la Circumvesuviana tra Torre del Greco e Sant’Antonio, dove ieri un’impalcatura edilizia è crollata invadendo i binari, forse a causa del forte veno di Grecale.

Anche oggi vento e piogge continuano a flagellare la Calabria, sebbene secondo le previsioni meteorologiche i fenomeni sono in via di assorbimento e per stasera è previsto tempo stabile. Ieri in provincia di Catanzaro si sono verificate frane, allagamenti di strade e cadute di alberi e cartelloni pubblicitari, fortunatamente senza cauare feriti. Nel resto della regione la protezione civile continua a monitorare i fiumi che rischiano di esondare, specie il fiume Neto nel Crotonese. Sotto osservazione anche molti fiumi della Basilicata, dove le nevi si stanno sciogliendo rendendo reale il rischio di innalzamento dei livelli delle acque, con rischio di piene che potrebbero causare criticità nelle zone di Pisticci, Scanzano Jonico, Nova Siri, Policoro e Prefetura di Matera.

Il vento di Maestrale sta causando forti disagi anche in Sardegna, con conseguenti mareggiate e blocco dei collegamenti marittimi da e per Cagliari, costringendo allo stop anche le operazioni di sbarco e imbarco nel porto di Sarroch, dove ha sede la raffineria Saras.

 

Luigi Ciamburro

 

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan