Lega Nord: la Tav Torino-Lione s’ha da fare. Bossi rievoca Cavour, Maroni invoca l’esercito

Roberto Maroni e Umberto Bossi (Getty Images)

 

 

LEGA NORD – Alla periferia della Padania, in Piemonte, le proteste dei No Tav vengono respinte dalla Lega Nord, da sempre favorevole alla realizzazione della Torino-Lione, senza se e senza ma. A tal proposito si è espresso anche il leader Umberto Bossi che ritiene vitale l’infrastruttura in Val di Susa: “È la vecchia storia dai tempi di Cavour: il collegamento con le fabbriche francesi. Se Torino vuole sopravvivere deve avere i collegamenti con le industrie francesi e lombarde”.

Sulla stessa linea anche l’ex ministro degli Interni, Roberto Maroni, che contro gli attivisti invoca l’invio dell’esercito: “Si deve riprendere il controllo della situazione che mi pare si stia perdendo” con l’uso “dell’esercito perchè quest’opera va fatta e la violenza va fermata… In Val di Susa – sottolinea l’ex responsabile del Viminale – si risponde alla violenza con la determinazione e l’attivazione di tutti gli strumenti a disposizione. Se si chiude anche solo mezzo occhio su episodi di violenza, non se ne esce più. Violenza chiama violenza“.

Ma nelle file del Carroccio c’è anche chi estremizza la situazione e richiama scenari storici ormai passati, come il capogruppo leghista della regione Piemonte Mario Carossa: “Questi episodi ricordano in modo sconcertante gli anni ’70 e il periodo che ha portato all’esplosione del terrorismo… Le violenze commesse oggi da No Tav incappucciati – afferma Carossa – sono atti gravissimi e inaccettabili. Nessuno si permetta più di giustificare questi delinquenti che cercano solo una scusa per aggredire, spaccare, e infrangere la legge”. Senza nessuno scrupolo per i pareri contrastanti poi affonda il tiro: “Non voglio sentire poi lacrime di coccodrillo se la situazione dovesse esplodere. I politici eletti prendano le distanze da quanto sta avvenendo e da quella che non è più una protesta, ma solo una scusa per aggredire le istituzioni”.

 

Luigi Ciamburro

 

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan