Riforma del lavoro: Fornero annuncia l’accordo per il 23 marzo. Riformata la Cassa integrazione straordinaria

Il ministro Elsa Fornero

RIFORMA DEL LAVORO – Il Ministro del Lavoro Elsa Fornero ha annunciato oggi che questa settimana sarà “decisiva” per il raggiungimento dell’accordo con le parti sociali sull’attesa riforma del lavoro.

“Il presidente Monti e il ministro del Lavoro intendono chiudere tra il 21 e il 23 marzo“, ha detto Fornero, sottolineando che l’obiettivo del governo è sempre stato quello di trovare un accordo con le parti sociali.

Il Ministro del Lavoro ha quindi aggiunto che i nuovi ammortizzatori sociali partiranno già da quest’anno, per andare a regime nel 2015 e non nel 2017, come era stato detto nell’ultimo incontro con le parti sociali. “Sarà accorciato il periodo di transizione della riforma e il cambio del sistema degli ammortizzatori”, ha spiegato.

Per quanto riguarda la cassa integrazione straordinaria (Cigs), su cui nei giorni scorsi si erano accese polemiche e discussioni in merito ad una ventilata ipotesi di abrogazione, sarà mantenuta e solo riformata. Comunque non sarà più applicata in caso di cessazione dell’attività.

Il Ministro Fornero ha quindi illustrato l’obiettivo ambizioso che si prefigge il governo con la riforma del mercato del lavoro, ovvero la riduzione del livello di disoccupazione, “portandolo al 4-5% strutturale“. “Questo è un tassello essenziale ai fini della crescita“, ha detto Fornero.

Nelle ultime ore, il governo ha annunciato che sono stati trovati i soldi per finanziare i nuovi ammortizzatori sociali: due miliardi di euro, che verrebbero recuperati con le nuove norme sulle pensioni. Sul tema ha però frenato il leader della Cisl, Raffaele Bonanni: “Penso ci sia un equivoco”, ha detto, spiegando che questi fondi servono “per la cassa integrazione in deroga”.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan