Carro armato in Siria (Getty Images)

CESSATE FUOCO SIRIA“La cessazione delle ostilità in Siria sembra essere rispettata”, ha dichiarato L’ex segretario delle Nazioni Unite Kofi Annnan, inviato di Onu e Lega Araba in Siria, che è riuscito a strappare una tregua al governo siriano nello scontro con le forze ribelli. Il cessate il fuoco era una delle condizioni del piano di pace proposto da Annan e che il presidente Bashar al Assad aveva infine accettato. I combattimenti si sono arrestati ieri mattina all’alba (le 6 in Siria, le 5 in Italia), nonostante le opposte fazioni abbiano denunciato nel corso della giornata reciproche violazioni della tregua: l’opposizione ha accusato l’uccisione di tre persone a Idleb e ad Hama, mentre il governo siriano ha detto che una persona è morta per l’esplosione di una bomba su una strada di Aleppo. Comunque, non si sono ripetuti gli scontri violenti dei giorni scorsi, anche se Damasco, come ha sottolineato Annan, deve dare ancora piena attuazione al piano di pace con il ritiro delle truppe e dei carri armati dalle città siriane.

“La Siria vive apparentemente un raro momento di calma sul terreno”, ha detto l’inviato di Onu e Lega Araba. Anche se la giornata cruciale per verificare la tenuta della tregua sarà quella di oggi, con la consueta protesta del venerdì.

Dall’inizio delle manifestazioni contro il regime del presidente Assad, il 15 marzo 2011, tutti i venerdì, dopo la preghiera, gli oppositori sono scesi in strada per protestare contro il regime e chiedere le dimissioni del presidente siriano. La repressione è stata fin dall’inizio molto dura, provocando in un anno oltre 10.000 morti.

Oggi, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu dovrebbe votare una risoluzione, redatta dagli Stati Uniti, con cui si prevede l’invio in Siria di una ventina di osservatori delle Nazioni Unite per verificare l’attuazione del piano di pace da parte del governo siriano. La missione degli osservatori Onu dovrebbe partire all’inizio della prossima settimana.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan