Vittime della crisi: si uccide un altro imprenditore schiacciato dai debiti

CRISI: IMPRENDITORE SUICIDA – Una nuova vittima della crisi. La conta dei morti viene snocciolata quotidianamente come un bollettino di guerra. Un suicidio è sempre una questione molto personale e complessa, i cui motivi più profondi il più delle volte rimangono ignoti, ma certo il numero di persone con problemi economici che si tolgono la vita è davvero impressionante.

Oggi, la notizia di un nuovo caso di suicidio per motivi economici viene dalla provincia di Treviso, in quel Nord Est che è stato il volano dello sviluppo economico italiano e che ora si trova a fare i conti con una crisi spietata. Scrive Il Gazzettino che un imprenditore di 52 anni, di Volpaga del Montello, si è impiccato nel suo camion. L’uomo aveva debiti per decine di migliaia di euro e temeva di essere mandato via dall’azienda del suo socio.

L’imprenditore ha compiuto l’estremo gesto nel piazzale di un cimitero a Falzé di Trevignano, dove ha portato il suo camion per poi impiccarsi con un foulard all’interno della cabina.

L’uomo è stato ritrovato privo di vita dalla compagna e da uno dei due figli. Accanto al corpo è stato ritrovato un biglietto di addio.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan