FINLANDIA: INDUSTRIE MINERARIE – Una tassa da far pagare alle aziende che operano nel settore minerario: l’idea è del ministro dell’Ambiente finlandese, Ville Niinistö, da qualche tempo impegnato in un aspro confronto con le industrie del settore per la salvaguardia dell’ecosistema. Dopo varie schermaglie, dopo accuse reciproche, il ministro ha deciso di passare al contrattacco: e ha proposto l’introduzione una tassa. Il governo multicolore che guida la Finlandia dovrà valutarne l’opportunità. L’idea si basa su un principio semplice: dare alle industrie la possibilità di trivellare il paese in cambio di una contropartita economica che possa essere utilizzata dallo Stato per ridistribuire la ricchezza. Qualcosa di molto simile, ricorda il quotidiano Helsingin Sanomat, succede in Norvegia dove già da anni i vari governi hanno messo da parte una fetta dei guadagni derivati dall’estrazione del petrolio e del gas. Secondo Ville Niinistö una tassa sulle attività minerarie potrebbe fruttare sin da subito un centinaio di milioni di euro l’anno. L’idea ha trovato diversi sostenitori, sia nel mondo accademico, sia nel governo. I socialdemocratici hanno manifestato subito parere positivo, così come l’Alleanza di Sinistra. Più cauti i partiti di centro-destra, e soprattutto la forza politica più grande che c’è nell’esecutivo: il Partito di Coalizione Nazionale del premier Katainen ha infatti dichiarato che prima di prendere qualunque decisione è bene valutare pro e contro. Perché se è vero che il settore delle industrie minerarie in Finlandia sta vivendo una nuova stagione di ricchezza (nel 2010 il fatturato è stato pari a 1,1 miliardi di euro, scrive l’Helsingin Sanomat), è altrettanto vero che sono molti a mettere in guardia il governo: una tassa potrebbe diventare un deterrente tale da spingere le aziende ad andare a scavare altrove. Per ora si procederà solo con uno studio tecnico, al fine di capire davvero se la legislazione della Finlandia in materia di imprese minerarie dovrà essere cambiata. Ogni decisione sarà soppesata.

Antonio Scafati

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan