Calcioscommesse: Beppe Signori indagato per riciclaggio

L'ex attaccante della Lazio e della Nazionale di calcio Beppe Signori (Getty Images)

CALCIOSCOMMESSE BEPPE SIGNORI – Si allarga l’inchiesta della Procura di Cremona sul calcioscommesse, dopo l’avviso di garanzia per l’allenatore della Juventus Antonio Conte e il blitz di questa mattina all’alba nel ritiro della Nazionale di calcio a Coverciano, oltre all’arresto dei calciatori di serie A Mauri e Milanetto. Ora si apprende del coinvolgimento anche di Beppe Signori, che sarebbe indagato per riciclaggio di denaro. L’ex attaccante della Lazio e della Nazionale è indagato per questo reato in concorso con l’ex calciatore Luigi Sartor, un suo amico, Luca Burini e il suo commercialista Daniele Ragone. Questi ultimi due sono stati posti agli arresti domiciliari.

L’accusa ha ad oggetto la movimentazione di denaro, attraverso una società panamense, proveniente dalle scommesse. Signori e Sartor rimangono a piede libero poiché erano già stati arrestati nel 2011, nella prima parte dell’inchiesta sul calcioscommesse.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan