Polemica tra esecutivo Monti e Pdl dopo dichiarazioni del premier al WSJ sullo spread

Mario Monti e Silvio Berlusconi (Getty Images)

MONTI: LO SPREAD SAREBBE A 1200 CON BERLUSCONI – E’ di nuovo polemica tra il governo dei tecnici e il Pdl dopo le dichiarazioni del presidente del consiglio Mario Monti, il quale, commentando l’altalena dello spread che non smette di inquietare gli investitori italiani, ha detto che se Silvio Berlusconi fosse ancora alla postazione di governo il tasso di differenza tra Bund e Btp sarebbe alle stelle. “Se il precedente governo fosse ancora in carica, ora lo spread italiano sarebbe a 1200 o qualcosa di simile”, queste le parole precise di Monti, pronunciate ai microfoni dei giornalisti del Wall Street Journal più di trenta giorni fa ma rese note solo oggi attraverso la pubblicazione di un pezzo online.

All’uscita delle dichiarazioni, il governo dei tecnici ha provato subito a mettersi al riparo dalle critiche rispondendo alle domande fatte dalla stampa con precisazioni intese a chiarire il fatto che nelle frasi del premier non c’è alcun intento polemico, ma la stima si basa su calcoli realistici. Lo spread era destinato a salire secondo le previsione e, se non fosse stato al potere un esecutivo di tecnici capace di guadagnarsi un consenso a livello parlamentare, i mercati avrebbero registrato negativamente il fenomeno, ha detto palazzo Chigi.

Una risposta a Monti è giunta tempestivamente da parte di Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Popolo delle libertà alla Camera, il quale ha definito “stupida” e “non giustificata” l’uscita del premier. Cicchitto ha fatto sapere che il suo partito non intende accettare le parole di Monti e che le stesse chiarificazioni tradiscono una volontà di giustificarsi poco gradita dal ricevente. “Crediamo che il momento sia cosi serio da non consentire questi inaccettabili e gratuiti esercizi polemici fatti nei confronti di chi sta appoggiando lealmente il suo governo”, ha detto il capogruppo. Reazioni di sdegno sono giunte anche da parte di Gasparri e di Maroni.

 

Redazione online