Governo Monti, Corrado Passera: appello a sindacati e aziende per tornare competitivi sui mercati

Corrado Passera (Getty Images)

 

 

PIANO CRESCITA – Domani si terrà il secondo Consiglio dei ministri post vacanze, quello che dovrebbe dare il via al piano crescita tanto sbandierato dall’Esecutivo tecnico negli ultimi giorni. In un’intervista al quotidiano ‘La Stampa’ il ministro Corrado Passera ha definito necessario e urgente un patto per la produttività e lanciato un appello ad aziende e sindacati, sottolineando il “drammatico ritardo di competitività”. Un’intesa che, recuperando i quasi 10 punti di distacco che su questo aspetto abbiamo rispetto ai principali Paesi europei, consenta alle aziende di tornare in condizioni di competitività sui mercati internazionali e ai lavoratori di aumentare le loro retribuzioni.

 

Ma guai a parlare di ‘fase due’, perchè il piano crescita è nato insieme al decreto ‘Salva Italia’: “La messa in sicurezza dei conti e la creazione delle condizioni per la crescita, fin dal primo giorno dell’esistenza di questo governo, sono in parallelo – ha dichiarato il ministro dello Sviluppo Economico -. E’ vero che nel ‘Salva Italia’ c’è la riforma delle pensioni e l’Imu, ma cui sono anche i 20 miliardi di garanzia per il credito alle piccole e medie aziende, ci sono i 14 miliardi per incentivare gli imprenditori a rafforzare i patrimoni aziendali (Ace) e ad assumere (Irap). Intanto – ha proseguito – sono arrivate le liberalizzazioni, le semplificazioni, il decreto sulla crescita, gli interventi sull’energia, sulle infrastrutture e l’edilizia, i project bond e il diritto fallimentare, solo per fare alcuni esempi”.

 

Per quanto riguarda il suo futuro non ha escluso un possibile incarico anche nel prossimo esecutivo: “Non mi tirerò certo indietro se ci sarà la possibilità di continuare risanamento e rilancio del Paese”.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan