Fiorentina, Jovetic: ”La Juve mi ha tentato, ma voglio vincere qua”

Stevan Jovetic

 

JOVETIC FIORENTINA JUVENTUS – Dopo un estate passata praticamente sempre sulle prime pagine dei giornali che parlavano di calciomercato, Stevan Jovetic si gode la ritrovata tranquillità visto che è rimasto alla Fiorentina, al centro della rinascita viola. Racconta questo ed altro il montenegrino sulle pagine della Gazzetta dello Sport. Vediamone qualche spunto: ”E’ stata una lunga estate, intensa. E’ normale che quando girano delle voci così insistenti qualcosa di vero c’è e ammetto che la Juventus mi ha cercato. Io però sono un professionista e ho sempre dato il massimo per questa squadra anche durante il precampionato. Alla fine sono rimasto qui e sono super felice. C’è da ricostruire qualcosa qui e spero i successi di ottenerli con questa maglia”. Certo, quello di Jo-Jo non è un rinnovo a vita con la Fiorentina: ”A fine stagione ci aggiorneremo con la famiglia Della Valle per vedere quali saranno le prospettive, inutile fare ragionamenti ora. Ma è stato lo stesso Presidente a dirmi questo. Non dico ‘mai alla Juve’, la mia testa ora pensa solo alla Fiorentina. La clausola sul contratto? Quella di potermi liberare ad una certa cifra c’è, ma non è stata usata, altre clausole non ce ne sono. Piuttosto voglio chiarire che il mio procuratore fa il mio bene e non va contro la società”. Non solo la Juve era sulle sue tracce: ”Si è fatto avanti anche il Manchester City, ma ormai avevo già deciso di rimanere a Firenze e ho stoppato la trattativa”. Infine, un messaggio alla tifoseria viola: ”Sono rimasto per riportare la squadra ai livelli che le competono e non me ne andrò finchè non sarà accaduto ciò. Quest’anno vogliamo tornare in Europa. A quei tifosi che mi hanno criticato in estate perchè sono rimasto in silenzio dico che di fronte a certe offerte, un giocatore è normale che ci pensi. Ma non ho tradito la fiducia di nessuno, amo questa squadra e questa città e non voglio portare dalla mia parte la gente facendo dichiarazioni ad effetto. Comunque l’importante è che sono rimasto alla Fiorentina, ora facciamo parlare il campo”.