Benedetto XVI: bandire la violenza, la fede non può portare alla morte

Papa Benedetto XVI in Libano (Getty Images)

BENEDETTO XVI CONTRO LE VIOLENZE – Dalla sua visita in Libano, Papa Benedetto XVI è intervenuto sulle violenze che in questi giorni stanno sconvolgendo i paesi islamici, con ripetuti assalti alle sedi diplomatiche statunitensi e di altri paesi occidentali, per protestare contro un film amti-islam. “Occorre evidentemente bandire la violenza verbale o fisica. Essa è sempre un oltraggio alla dignità umana, sia dell’autore sia della vittima”, ha detto il Papa ai leader politici, diplomatici, religiosi e intellettuali presenti al suo discorso nel palazzo presidenziale vicino Beirut.

“La libertà religiosa ha una dimensione sociale e politica indispensabile alla pace”, ha aggiunto Benedetto XVI, spiegando che la fede “promuove una coesistenza ed una vita armoniose attraverso l’impegno comune al servizio di nobili cause e la ricerca della verità, che non si impone con la violenza ma con la forza stessa della verità, quella Verità che è in Dio. Perché – ha aggiunto il Papa – la fede vissuta conduce inevitabilmente all’amore. La fede autentica non può condurre alla morte“.

La famiglia è “la prima educatrice alla pace”, ha detto ancora il Papa, e “per costruire la pace, la nostra attenzione deve dunque portarsi verso la famiglia, al fine di facilitare il suo compito, per sostenerla così e dunque promuovere dappertutto una cultura di vita”.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan