Bibliopride: domani giornata di protesta e cultura per le biblioteche

DOMANI BIBLIOPRIDE – Si svolgerà domani, sabato 13 ottobre, il primo Bibliopride nazionale, manifestazione che vuole coniugare protesta e cultura proponendo una giornata dedicata alle biblioteche di tutta Italia. Nel corso del Bibliopride i bibliotecari italiani, organizzatisi nelle settimane scorse per dare vita ad una particolare manifestazione nel corso della quale l’attenzione dell’opinione pubblica venisse spostata sulla questione della cultura, saranno attive iniziative di vario tipo. Il minimo comune denominatore degli eventi culturali che si terranno in varie parti del Paese, sarà la tematica dei tagli alla cultura e alle strutture che, come appunto le biblioteche, in Italia si occupano di diffondere il sapere e di diffonderlo in maniera equa e gratuita.

Da convegni a visite guidate all’interno delle biblioteche stesse. Da incontri con narratori e poeti a letture in piazza. Queste le proposte per il Bibliopride, al quale gli ideatori invitano a partecipare non solo coloro che amano la cultura, ma tutti coloro che credono che il patrimonio pubblico vada preservato, difeso, rinnovato con un adeguato finanziamento.

Napoli sarà la città che ospiterà più momenti d’incontro, perché scelta come centro pulsante per questo Bibliopride. La ragione che ha spinto gli organizzatori ad eleggere il capoluogo partenopeo è stato il caso, scandaloso, della Biblioteca dei Girolamini, prestigiosa istituzione cittadina il cui patrimonio è stato trafugato dai gestori in maniera.

Stefano Parise, presidente dell’AIB (Associazione italiana biblioteche) ha detto la sua alla vigilia della giornata ed ha detto che, a suo parere, le biblioteche “devono continuare a garantire l’alfabetizzazione, la formazione e l’integrazione, e dovono farlo in luoghi che siano gratuiti e accessibili a tutti”.

 

Redazione online