Sudafrica: uomo uccide il nipote e trasporta i genitali nella valigia. Arrestato

polizia sudafricana

SUDAFRICA: UOMO CON GENITALI DEL NIPOTE NELLA VALIGIA – Una vicenda alquanto bizzarra, anche se , a quanto pare, non particolarmente sorprendente in alcune parti del continente africano, è accaduta oggi in Sudafrica, dove un uomo è stato arrestato dalle autorità locali perché trovato in possesso dei genitali di un minorenne.

L’uomo, di 42 anni, stava subendo un interrogatorio da parte della polizia perché sospettato per la scomparsa del nipote diciottenne e, a seguito di un’ispezione delle autorità, è risultato trasportare all’interno della sua valigia gli organi riproduttivi del giovane ragazzo.

In seguito al ritrovamento della parte del corpo, l’uomo, ormai incastrato, ha condotto la polizia all’interno della foresta di Eastern Cape, dove sono stati rinvenuti i resti del diciottenne. Tutto il corpo era stato smembrato in parti le quali erano poi state disperse.

Non si conoscono ancora con certezza i motivi della brutale uccisione, ma le autorità sospettano che quanto accaduto sia da mettere in relazione con alcune pratiche attuate da medici-stregoni che implicano l’utilizzo di parti genitali per la cura di determinate patologie. In particolare in Sudafrica la mutilazione genitale fatta con questi scopi sarebbe molto diffusa, secondo quanto illustrano inchieste specifiche, e sarebbe addirittura attivo un mercato illecito degli organi.

 

Redazione online