(Foto Getty Images)

Non si ferma la scia di morti sul lavoro. Oggi è toccato ad un operaio di una ditta del bresciano, specializzata nella produzione di attrezzature industiali. L’uomo, 34enne sposato e con figli, si trovava a Figline Valdarno, centro di oltre 15mila abitanti in provincia di Firenze, per dei lavori di manutenzione commissionati da una ditta specializzata. Intorno alle 13.30 l’incidente: per cause in corso di accertamento, l’operaio è rimasto schiacciato sotto la cabina di un escavatore a ragno che aveva precedentemente sollevato attraverso un sistema idraulico incorporato nel macchinario.

Al momento dell’incidente, l’uomo si sarebbe trovato da solo, dunque l’allarme è stato dato dagli operai, che però non hanno assistito all’accaduto. Sul posto, oltre al 118 ed alle forze dell’ordine, anche l’Ispettorato del lavoro, per accertare eventuali irregolarità che possano aver causato l’incidente.

Inutili i soccorsi, al momento dell’arrivo dell’ambulanza, il giovane operaio era già deceduto.

 

Redazione Online