La sede della Regione Lazio con il manifesto sulle dimissioni di Renata Polverini (Getty Images)

CONSIGLIO DI STATO BOCCIA POLVERINI – Niente da fare per Renata Polverini, costretta ora ad indire al più presto le elezioni regionali anticipate in Lazio. Nonostante il Consiglio di Stato avesse sospeso, lo scorso 16 novembre, la sentenza del Tar del Lazio del 12 novembre, che la obbligava ad indire le elezioni regionali entro cinque giorni, oggi lo stesso Consiglio ha respinto in via definitiva il ricorso della Polverini.

Viene così confermata la decisione del tribunale amministrativo regionale, che aveva accolto il ricorso presentato dal Movimento difesa del cittadino per costringere Renata Polverini ad indire al più presto le elezioni in Lazio. Il Consiglio regionale era stato infatti sciolto lo scorso 28 settembre, all’indomani delle dimissioni formali di Polverini dalla presidenza della Regione, ma la stessa governatrice dimissionaria non si è mai decisa a fissare la data delle elezioni. Ora avrà cinque giorni di tempo.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan