Madrid: inaugurata un’ esposizione di fotografie all’Istituto Cervantes

Madrid, Plaza Mayor (Getty Images)
Un anno fa, al concorso fotografico organizzato dal Pais, arrivavano più di 40.000 fotografie. Scopo dell’iniziativa quello di ricercare le tracce di un’identità comune. “Universo en español” il titolo della mostra organizzata con il patrocinio di Solo Loewe e la collaborazione dell’Istituto Cervantes. Fra tutte le immagini pervenute è stata operata una selezione di foto che saranno esposte fino al 13 gennaio nella sede madrilena del Cervantes. Tra i 38 finalisti sono stati selezionati due vincitori, uno per la categoria “Ritratti” e uno per quella di “Storie”.

Tra i vinctori Héctor Guerra Hernández, ingegnere di strutture e architetto navale, con una serie di 11 fotografie in bianco e nero; tale lavoro é dedicato agli edifici spagnoli: “Mi interessa la storia degli edifici, delle case, dei ponti. Per me le storie non sono sempre quelle delle persone.” Di questa raccolta Jordi Socías, membro della giuria presieduta dal direttore del Museo Reina Sofia Manuel Borja-Villel, mette in luce il valore, che va al di là della precisione tecnica: “Sono opere di un fotografo che sa che la luce è la forma”.

A proposito della sua esperienza, il fotografo ha dichiarato: “Ho viaggiato per tutta la Spagna… L’architettura è subordinata alla vita, non conosco guida migliore per sapere verso dove andiamo. Poco tempo fa tutti volevano un Guggenheim nel proprio paese, ora nessuno lo vuole, neanche dipinto. Però la mia idea è ottimista, perché non tutto è andato male”. A proposito del bianco e nero, Hernández sottolinea come non sia stata una scelta casuale, perché: “Il colore distrae dalla luce e dalla geometria”. Óscar Romero Blaya ha invece presentato 3 ritratti (12 nella serie originale), di sei uomini e sei donne trascinati dalla corrente della crisi, torsi nudi che trasmettono l’idea della sconfitta.

Marisa Florez, fotografa del Pais e membro della giuria, ha così commentato il suo lavoro: “Niente distrae lo sguardo. Sono ritratti diretti e la loro semplicità ne moltiplica la forza”. Nel mezzo delle proteste di piazza contro i tagli della sanità è stata celebrata l’inaugurazione dell’ esposizione nell’Istituto Cervantes dalla direttrice di Cultura del centro Montse Iglesias, dal presidente di Perfumes Loewe, da Juan Pedro Abeniacar e da Eugenia de la Torriente, il capo della sezione settimanale del Pais.

Sveva Valenti