Elezioni, Frattini contro la candidatura di Berlusconi: “Con lui viene meno l’alleanza con i moderati”

Franco Frattini (Getty Images)

ELEZIONI FRATTINI – Franco Frattini è contro la ridiscesa in campo di Berlusconi. Il deputato del Pdl lo ha detto esplicitamente durante un’intervista rilasciata a ‘Il Messaggero’: “A mio avviso il nostro obiettivo deve essere quello di creare il campo dei Popolari italiani, ispirato al Ppe. Questo campo non può avere Berlusconi come federatore perché chi dovrebbe federarsi con lui non è d’accordo. La candidatura di Berlusconi farebbe venir meno l’unità dei moderati italiani e questo condannerebbe quel campo ad una sconfitta. Ma questa è la subordinata. Io mi batto per la principale, che cioè il federatore sia Monti. Se così non fosse, il mio pessimismo per una sconfitta elettorale aumenterebbe di molto”. ‘Il Messaggero’ il deputato del Pdl ed ex ministro degli Esteri, Franco Frattini.

Su Monti ho l’ottimismo della volontà. Però affinchè davvero accetti di candidarsi molto dipende anche da noi, dal Pdl. Certo, se diciamo che l’Europa è un mostro che vuole mangiarci, che è quella dei banchieri e ci inventiamo gli gnomi di Francoforte o di Bruxelles; se attacchiamo la Germania e mandiamo messaggi negativi è evidente che il presidente Monti difficilmente accetterà di marciare assieme a questa compagnia“.

Infine per quanto riguarda le ultime dichiarazioni di Silvio Berlusconi circa la cancellazione dell’Imu, introdotta dal premier Monti, ha tenuto a sottolineare: “Certamente l’abolizione dell’Imu, almeno per la prima casa, è una cosa che oggettivamente gli italiani apprezzerebbero. Però che si possa o meno fare non può dipendere da un annuncio: servono delle spiegazioni che ancora non vedo. A partire dalla principale: dov’è la copertura finanziaria? Si pensa ad una patrimoniale sui più ricchi come hanno fatto altri Paesi? Oppure alla dismissione di parte del patrimonio pubblico? Ovviamente piacerebbe a me e a moltissimi italiani non pagare l’Imu, però oggi come oggi forse è più importante salvare l’Italia“, ha concluso.

Intanto a Domenica Live su canale 5 il Premier ha già fatto la prima promessa: “La prima casa è qualcosa di sacro. Non si tocca la casa, è il pilastro della sicurezza per il futuro delle famiglie perciò l’impegno che assumiamo in campagna elettorale è l’abrogazione dell’Imu e che non ci sarà mai più un’imposta sulla casa”.

Il premier Mario Monti ha ieri incontrato al Quirinale il presidente Giorgio Napolitano, per discutere del suo futuro politico e di un’eventuale discesa in campo che a giorni potrebbe essere ufficializzata dallo stesso Professore. Secondo indiscrezioni rivelate all’Ansa Monti sarebbe tentato di costituire una lista personale, senza vincoli con i partiti, al fine di portare avanti e concludere la sua agenda di riforme, evitando che alcuni provvedimenti restino impantanati tra i pareri opposti delle coalizioni in Parlamento.

Redazione online

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan