Legge stabilità: il Senato vota la fiducia con 199 sì. Decreto firme rinviato per mancata intesa

L'Aula del Senato (Getty Images)

LEGGE STABILITA’ FIDUCIA – Il Senato ha votato la fiducia al governo sulla legge di stabilità. A votare a favore è stato anche il Pdl. I sì sono stati 199, 55 I voti contrari e 10 astenuti. Nonostante tutto La legge, dopo la consegna del maxi-emendamento da parte del governo, si presenta come un unico articolo composto da 554 commi. Un testo definito “illeggibile” dal capo dllo Stato Giorgio Napolitano.

Sul sito del Senato della Repubblica italiana è stato possibile apprendere: “Il Senato ha accordato la fiducia al Governo, approvando con 199 voti favorevoli, 55 contrari e 10 astensioni il maxiemendamento 1.700 interamente sostitutivo del ddl n. 3584 – Legge di stabilità. Dopo la presentazione e successiva votazione della seconda nota di variazione al bilancio, avrà luogo la votazione finale della Legge di bilancio (ddl n. 3585). L’esame dei provvedimenti era stato avviato nella seduta del 19 dicembre con le relazioni dei senatori De Angelis, Legnini e Tancredi; in serata il Ministro per i rapporti con il Parlamento Giarda aveva posto, a nome del Governo, la questione di fiducia per l’approvazione dell’emendamento”.

Intanto manca ancora l’intesa, invece , circa il decreto sulla raccolta delle firme approdato in Aula questa mattina senza l’accordo tra i gruppi parlamentari. Il comitato dei nove della commissione Affari costituzionali della Camera si è riaggiornato intorno alle 13 fa ma l’ipotesi è che ci sia un rinvio dell’Aula alle 15. Sul provvedimento si sta cercando ancora un accordo attraverso la mediazione del governo. Numerose le ipotesi in campo, tra cui quella di ridurre a un terzo la quantità di firme necessarie ai partiti per correre alle elezioni. Il presidente Gianfranco Fini ha concesso il rinvio, ma ha annunciato che “è indisponibile ad accettare ulteriori differimenti”.

Redazione online

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan