Silvio Berlusconi: “Congiura contro di noi, se vinco commissione d’inchiesta”

Silvio Berlusconi negli studi di ‘Porta a Porta’ (getty images)

Mario Monti non riscuoterà alcun successo elettorale: ad affermarlo è l’ex premier e leader del Pdl Silvio Berlusconi, secondo il quale “l’agire e le conseguenze dell’agire di questo governo tecnico sono lì da vedere. Gli italiani si stanno rendendo consapevoli della congiura che c’é stata per mettere una parentesi alla democrazia e per porre fine al nostro governo”.

Rivolgendosi ai cronisti che lo hanno intercettato alla Stazione Centrale di Milano, l’ex premier ha anche assicurato che “vincendo, instaureremo subito una commissione per esaminare quei fatti“, facendo riferimento alle sue dimissioni che portarono all’avvento del governo tecnico guidato dall’economista Mario Monti, poi insiste ancora: “Non penso ci sia una persona che possa dare fiducia ai vari Fini, Casini e Monti”.

Inoltre, in un’intervista a “Vista Tv”, Silvio Berlusconi attacca Mario Monti affermando che questi aveva garantito che non avrebbe “approfittato della pubblicità dello stare sul pulpito di questo governo tecnico per poi presentari come protagonista politico. E lo ha fatto con una caduta di credibilità rilevante. Essendo senatore a vita e senza iscriversi alle liste elettorali ma assumendo il ruolo di leader dei partitini di centro. E con un programma scritto dal giuslavorista del Pd Ichino, che ora ha lasciato i democrats: un programma in quasi totale sintonia con quello del Partito Democratico”.

Monti, quindi, altro non sarebbe, a detta di Silvio Berlusconi, che “la ruota di scorta” del Pd decisamente intenzionato a “continuare quella politica di austerità che ha portato l’Italia in queste condizioni”.

 

Giuseppe Gabriele Mastroleo