Elezioni: Mario Monti sotto attacco di Alfano e Vendola. Passera spiega perché non correrà con lui

Mario Monti (Getty Images)

MONTI SOTTO ATTACCO – Tutti contro Mario Monti, il quale ieri ha annunciato la possibilità di abbassare i un punto l’Irpef e congelare l’aumento dell’Iva.

Oggi Angelino Alfano non si è di certo trattenuto nel commentare le dichiarazioni del premier uscente a Skytg24: “Dopo esser stato promotore dell’Imu in questa versione e essersi manifestato particolarmente affezionato” a questa tassa, “da buon vecchio politico ha parlato di diminuzione delle tasse dopo essere stato colui che più di tutti le ha aumentate”, perciò “è stata una discesa in campo connotata dal peggior esempio: dire una cosa e farne un’altra”.
A dire la sua, al Corriere della Sera, è stato anche Corrado Passera, l’attuale ministro per lo Sviluppo Economico, il quale ha spiegato il motivo che lo ha spinto a declinare l’invito a candidarsi con il raggruppamento che fa capo al premier, Mario Monti.

Avevo legato la mia accettazione a una lista nuova e unica“. Secondo Passera infatti l’agenda Monti deve chiarire l’impegno a non aumentare le tasse, escludendo una nuova patrimoniale e alleggerendo il carico fiscale per le imprese che investono e assumono: “Si è persa una grande occasione io credevo al progetto di una lista unica sia alla Camera che al Senato“. “Sulla base delle proiezioni ad oggi – ha continuato – vincerà bene Bersani, ma servono maggioranze forti per affrontare alla radice i problemi del Paese“.

Anche Vendola si è scagliato contro Monti; intervenuto a ‘UnoMattina’ il leader di Sel ha detto: “Mario Monti è la vecchia politica travestita da nuovo, ma è solo l’ennesima espressione della ‘razza padrona‘. Riferendosi alla frase del premier circa il taglio delle ali, Vendola ha risposto: “Sì, ai cacciabombardieri”

Redazione online

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan