Cori razzisti, anche un assessore leghista fra i contestatori di Boateng in Pro Patria-Milan

Kevin-Prince Boateng (getty images)

 

MILAN CORI RAZZISTI PRO PATRIA BOATENG ASSESSORE – Fra i fermati per il caso dei cori razzisti a Boateng in Pro Patria-Milan c’è anche un giovane assessore leghista del comune di Busto Arsizio, Riccardo Grittini, che ha rimesso le deleghe nelle mani del sindaco Antonio Balzarotti, anche lui espressione della Lega. Quest’oggi si deciderà sul futuro dell’assessore. Intanto il sindaco descrive così Grittini: ”Riccardo è distrutto. Lo conosco poco, ma in questi due mesi aveva già provato a fare qualcosa in particolare per coinvolgere i disabili nello sport e per l’impiantistica. Mi suona strano vederlo impelagato in una vicenda simile. E’ un ragazzo che vive di sport, lo pratica e ne vede tanto, ama anche l’hockey. Io sono ipergarantista per natura; per ora devo credere alla sua versione. Se verrà condannato dovrò assegnare gli assessorati a un altro. Ma lui mi ha detto: “io buu lo facevo ad Ambrosini, più che a Boateng. Non ritengo di aver commesso un reato”. E’ un ragazzo perbene, di buona famiglia, ho conosciuto pure la fidanzata che mi sembra più grande di lui”.

Marco Orrù