Falluja, l’esercito spara sui manifestanti: almeno 5 morti

Manifestazione a Falluja (Getty Images)

Non si placano le violenze in Iraq, dove ormai da settimane la minoranza sunnita protesta contro il governo dello sciita Nuri al-Maliki. Secondo quando riferisce Al Jazeera, infatti, oggi i soldati iracheni hanno aperto il fuoco su una protesta contro il governo, uccidendo cinque persone, nel tentativo di disperderle.

Ormai ogni venerdì da quattro settimane a questa parte, a Falluja, città a maggioranza sunnita, localizzata a un centinaio di km a ovest di Baghdad dalla regione di Anbar, si ripete la protesta contro il governo sciita.

Secondo l’agenzia Reuters, le forze di sicurezza hanno sparato inizialmente in aria per disperdere la folla, in risposta a una sassaiola, ma fonti ospedaliere locali denunciano: “Abbiamo ricevuto tre corpi con ferite da arma da fuoco nella parte posteriore dell’addome, e la spalla”.

Sempre oggi, in altre parti del paese, i sunniti scontenti delle prese di posizione del governo sono scesi in piazza per esprimere la rabbia, in particolare per una riforma di legge anti-terrorismo che dicono tende a perseguitarli. I manifestanti hanno anche chiesto il rilascio di 400 prigionieri, alcuni dei quali sarebbero detenuti illegalmente.

 

Redazione online