F 16 scomparso nell’Adriatico: rinvenuto il cadavere del pilota

Un caccia F-16 Usa (Foto: SAM YEH/AFP/Getty Images)

E’ stato intercettato e ricondotto a terra dalla Guardia costiera di Pesaro il corpo senza vita di Luca Fruenther, il pilota inabissatosi con il suo F 16 nel mare Adriatico lunedì notte. L’uomo, di 32 anni e di origine californiana, era membro dell’aviazione americana e a incaricato di supervisionare sulla sicurezza del 31esimo stormo.

Secondo quanto riferito dalle autorità marittime del pesarese, il ritrovamento sarebbe avvenuto oggi a largo delle coste della cittadina di Fano e subito il cadavere sarebbe stato ripescato dal mare per essere messo in barca ed essere condotto nei locali della magistratura locale che dovrà occuparsi di ispezionarlo per accertare le dinamiche di quanto successo.

Il Caccia F 16 che Fruenther pilotava era decollato lunedì in serata dall’aeroporto militare di Aviano e, mentre volava sopra l’Adriatico, era scomparso dalle intercettazioni del radar. Avviando subito delle ricerche, le autorità erano riuscite a recuperare nei giorni scorsi dei pezzi dell’F 16 che galleggiavano nei pressi di Lido di Savio e casco e paracadute del pilota a largo di Cervia.

 

Redazione online