E’ arrivato il “lunedì bianco” del centro-nord

Neve in autostrada (Foto: OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

E’ stato rinominato “lunedì bianco” questo lunedì di metà febbraio in cui, secondo le previsioni dei meteorologi, gran parte della penisola verrà coperta da una coltre più o meno spessa di neve. L’allarme per le precipitazioni nevose è stato ampiamente lanciato dalla Protezione Civile e dalle autorità competenti, tanto che le amministrazioni locali di gran parte d’Italia si sono attrezzate ed hanno varato provvedimenti straordinari di chiusura delle scuole e di limitazioni del traffico su strada e aereo.

Alcune regioni del nord si sono svegliate già completamente imbiancate. E’ il caso della Lombardia e di Milano, dove il lunedì bianco è cominciato già dalle sei di questa mattina, quando la neve è cominciata a scendere in maniera insistente. Altre aree d’Italia centro settentrionale saranno colpite dalla perturbazione nevosa nel corso delle prossime ore. Il Ministero degli Interni ha disposto un allarme ed ha invitato le prefetture ad intervenire in ben 11 regioni italiane. Si tratta di Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Emilia Romagna, Marche, Umbria. In tutte queste regioni tir e camion non potranno essere in strada a partire dalle ore 22 di stasera.

Tra i cittadini del centro-nord, tutti abbondantemente consapevoli della possibilità di dover fronteggiare la neve, c’è un po’ di allarmismo e in molti si sono recati al supermercato a fare scorte per paura di poter rimanere senza cibo a causa di un’eventuale assenza di fornitura nei supermercati.

 

Redazione online