Elezioni regionali: si attendono con cautela le prime proiezioni

Il Pirellone (Getty Images)

Dopo il caos elettorale di ieri, giornata al termine della quale è emersa per le elezioni politiche una situazione di instabilità e ingovernabilità, oggi ci si concentra sullo spoglio delle schede delle regionali. Lombardia, Lazio e Molise dovranno infatti eleggere il nuovo governatore e, sebbere gli elettori abbiano già votato nel corso dell’election day, solamente tra poche ore si avranno i risultati definitivi.

E proprio gli errori fatti ieri dai sondaggisti e il divario tra instant poll e proiezioni reali ha portato oggi gli istituti di ricerca statistica ad usare cautela. Niente instant poll quindi, ma si attenderà finché non si avranno i primi numeri provenienti proprio dalle urne. Ieri infatti le proiezioni erano state relativamente attendibili.

Anche dando uno sguardo al successo dei partiti nelle singole regioni è però possibile fare qualche previsione. In Lombardia il candidato della Lega Nord e centrodestra, Roberto Maroni, sembra essere in netto vantaggio sul leader del centrosinistra Umberto Ambrosoli, mentre Silvana Carcano del Movimento 5 Stelle sembra posizionarsi terza.

Nel Lazio, invece, sarebbe netto il vantaggio di Nicola Zingaretti, candidato del centrosinistra, su Francesco Storace. Ancor prima di Storace potrebbe piazzarsi però Davide Barillari del Movimento 5 Stelle.

In Molise sarebbe avanti il centrosinistra di Paolo Di Laura, sul centrodestra di Angelo Michele Iorio.

 

Redazione online