Grillo: appoggeremo coalizione Pd – Pdl per legge elettorale

Beppe Grillo (MARCELLO PATERNOSTRO/AFP/Getty Images)

Cambia idea da un giorno all’altro il leader indiscusso del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo. Dopo le dichiarazioni di ieri sull’irriducibilità dei parlamentari eletti all’interno della lista da lui creata, Grillo ha rilasciato oggi alcune dichiarazioni con le quali apre all’eventualità di un sostegno dei grillini a un governo Pd-Pdl.

Nel corso di un’intervista effettuata per il settimanale tedesco “Focus”, Grillo ha detto: “Se Bersani e Berlusconi proponessero l’immediata modifica della legge elettorale, la cancellazione dei rimborsi elettorali e la durata massima di due legislature per ogni parlamentare, sosterremmo ovviamente subito un governo del genere”.

Continuando però nella sua invettiva contro i politici italiani, il comico genovese ha poi dichiarato allo stesso giornalista di “Focus” che non crede nell’ipotesi di un governo di coalizione disposto a ragionare su queste tematiche.

Galvanizzato dal contesto estero inoltre, Grillo ha illustrato ai tedeschi quella che, stando al suo giudizio, sarebbe la situazione politica italiana e l’immediata prospettiva: “Ai vecchi partiti do ancora sei mesi e poi è finita”.

Nel frattempo, Pier Luigi Bersani ha smentito Grillo sull’idea della grande coalizione ed ha detto: “In questi anni Berlusconi di “ore della responsabilità” ne ha avute a bizzeffe, e le ha mancate tutte. La responsabilità lui non la concepisce al di fuori degli interessi suoi e dei suoi. Dunque, lo voglio dire con assoluta chiarezza: l’ipotesi delle larghe intese non esiste e non esisterà mai”.

 

Redazione online