Hugo Chavez è morto. L’Accusa: “Contagiato dai suoi nemici”

Hugo Chavez (getty images)

Hugo Chavez è morto. Per il suo vice è stato avvelenato come Arafat. Il presidente si sarebbe ammalato perché «è stato attaccato», come è successo con il leader palestinese Yasser Arafat, ha detto oggi il vicepresidente venezuelano, Nicolas Maduro, sostenendo che «una commissione speciale di scienziati» potrà confermare questa tesi. «È un momento di profondo dolore», ha detto Maduro, interrompendosi fra i singhiozzi, in un discorso televisivo alla nazione.

«CHE VIVA CHAVEZ» «Chi muore per la vita non può essere considerato morto», ha sottolineato il vicepresidente Nicolas Maduro, che ha dato l’annuncio della morte di Hugo Chavez parlando in tv insieme ai membri del suo governo. «Nelle prossime ore renderemo noti tutti i programmi per rendere omaggio al nostro comandante», ha aggiunto il vicepresidente, che ha chiuso il suo intervento con un ‘Che viva Chavez!«.

PIANO PER DESTABILIZZARE IL VENEZUELA Il vice presidente venezuelano Nicolas Maduro ha denunciato l’esistenza di un «piano per destabilizzare» il Venezuela dietro la malattia del leader Hugo Chavez. Maduro ha parlato durante una riunione del governo trasmessa in diretta TV.

USA: «ACCUSE ASSURDE» Gli Stati Uniti respingono le accuse di cospirazione mosse dalle autorità del Venezuela riguardo alla malattia di Hugo Chavez. «Sono accuse assurde», ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato. «Dire che gli Stati Uniti sono implicati in qualunque maniera nella morte del presidente Chavez sono assurde e respingiamo con forza queste accuse», ha aggiunto il portavoce.

«PRONTI AL DIALOGO» «Questo è un momento tragico e difficile per la famiglia di Chavez e per i suoi sostenitori»: queste le prime reazioni – non ufficiali – dall’amministrazione americana secondo il Wall Street Journal. Per le stesse fonti, Washington è da tempo pronta ad intavolare delle discussioni con le massime autorità venezuelane.

Fonte: www.leggo.it