Servizio Pubblico: “Ecco il governo ideale per un ticket Pd-M5S”

Michele Santoro (Getty Images)

Dopo che le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio scorso hanno determinato una sostanziale parità tra le due coalizioni, con il Movimento 5 Stelle, primo partito alla Camera dei deputati, a fare da ago della bilancia, si susseguono le ipotesi di governi in cui gli esponenti grillini diano il proprio appoggio alla coalizione di centrosinistra.

Viene diffusa oggi dal sito di Servizio Pubblico, trasmissione condotta da Michele Santoro, l’ipotetica lista di un governo tecnico che potrebbe mettere d’accordo centrosinistra e Movimento 5 Stelle. A premier, la squadra di Michele Santoro nominerebbe Stefano Rodotà, più volte deputato ed europarlamentare, per otto anni a capo dell’Authority per la privacy. All’Interno Servizio Pubblico confermerebbe, nonostante un finale di mandato condizionato dalle polemiche per l’uso della forza da parte della polizia, l’uscente Anna Maria Cancellieri, mentre alla Sanità viene indicato il fondatore di Emergency Gino Strada.

Alla Cultura Salvatore Settis, già direttore della Scuola Normale di Pisa, mentre alla Difesa viene proposto Fabio Mini, collaboratore di Limes e già comandante della missione in Kosovo nel biennio 2002-2003; ministro degli Esteri sarebbe, per Santoro, Laura Boldrini, appena eletta parlamentare di Sel e già portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Ministro dell’Istruzione la conduttrice di Report Milena Gabanelli, mentre al Welfare l’ideale, per Servizio Pubblico, sarebbe il segretario della Fiom Maurizio Landini.

Alle Politiche agricole andrebbe Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, mentre il ministero dell’Ambiente andrebbe occupato la ricercatrice Catia Batioli, esperta in materiali biodegradabili. Allo Sviluppo Economico Servizio Pubblico confermerebbe Fabrizio Barca.

In pole position all’Economia ci sarebbe Luigi Zingales, esponente di Fare per Fermare il declino, ritenuto uno dei cento pensatori più influenti al mondo. Alla Giustizia spazio per l’ex pm di Mani PulitePiercamillo Davigo, infine alle Pari Opportunità viene proposta Irene Tinagli, ricercatrice appena eletta alla Camera nelle liste di Scelta Civica.

 

Redazione online