Città della Scienza, Passera: “20 milioni per la ricostruzione”

Corrado Passera (Getty Images)

Per la ricostruzione della Città della Scienza di Bagnoli, distrutta da un incendio, presumibilmente doloso, lunedì sera, occorrono 20 milioni di euro: questo quanto prevede il piano del Ministro per lo Sviluppo Economico, Corrado Passera, anticipato oggi dal Mattino. Secondo la comune linea d’azione portata avanti dai ministri Passera e Barca, dal presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, e dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, una prima tranche di 5 milioni di euro sarebbe immediatamente disponibile.

Si tratta di risorse ex Fas riprogrammate e messe nella disponibilità dei Provveditorati alle Opere Pubbliche per interventi di edilizia pubblica. Altri 15 milioni di euro verranno messi invece a disposizione attraverso il Pac, il Piano di azione e coesione della Campania, che ha una dotazione finanziaria complessiva di 150 milioni di euro già disponibili. L’utilizzo di questi ultimi fondi è stabilito direttamente dalla Regione Campania.

Il presidente della fondazione Donnaregina Pierpaolo Forte, che gestisce il Museo Madre di Napoli, ha intanto comunicato: “Abbiamo deciso di devolvere, da subito, il 10% dell’incasso del prossimo mese del Museo Madre per sostenere la ricostruzione di Città della Scienza. Un atto di solidarietà oggi necessario per sostenere la cultura in città e mostrare, così come stanno facendo altri soggetti, la volontà di tutto il sistema istituzionale di essere al loro fianco”.

Certa che la Città della Scienza verrà ricostruita si è detta anche il ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri, oggi a Bruxelles: “”Quanto è accaduto alla Città della Scienza è un fatto che ha colpito molto, non solo Napoli, ma ha ferito tutto il paese. Spero che si possa al più presto ricostruire”. La Cancellieri ritiene quella del terrorismo “l’ipotesi meno credibile”, mentre avalla la pista camorrista e “una anche più banale, come fatti legati a storie pregresse”.

 

Redazione online