Conclave, decisa la data: si inizia il 12 marzo

L'ultimo conclave (Getty Images)

La sala stampa della Santa Sede ha poco fa comunicato in una nota che il Conclave per l’elezione del nuovo Papa inizierà martedì 12 marzo. La decisione è stata presa dall’ottava Congregazione Generale del Collegio dei Cardinali. Nel corso della mattinata, verrà celebrata la messa “pro eligendo Pontifice”, mentre nel pomeriggio inizierà il vero e proprio Conclave.

Dalla riunione cardinalizia che serve a eleggere il nuovo Papa, sono esclusi, secondo una decisione presa da Paolo VI, i cardinali ultraottantenni, mentre è fissato in 120 il numero dei componenti del collegio elettorale. Giovanni Paolo II ha reintrodotto la partecipazione dei cardinali più anziani, che però non hanno diritto di voto, ma danno solo il proprio supporto spirituale.

Queste invece le ultime modifiche introdotte nel 2007 da Benedetto XVI: la maggioranza dei voti per l’elezione del Papa deve essere pari ai 2/3 dei votanti per tutti gli scrutini e che a partire dal 34º scrutinio  si procederà al ballottaggio, ma sempre con maggioranza di almeno i 2/3 dei votanti, tra i due cardinali più votati all’ultimo scrutinio; questi però perdono entrambi il diritto di voto.

Conclusi gli scrutini, il Papa neo-eletto si ritira nella “stanza delle lacrime”, ovvero nella sacrestia della Cappella Sistina, per indossare per la prima volta i paramenti papali con i quali si presenterà in pubblico dalla Loggia delle benedizioni della basilica di San Pietro. L’elezione del nuovo Pontefice verrà annunciata dalla cosiddetta “fumata bianca”, prodotta bruciando le schede dello scrutinio insieme a paglia umida.

E’ il Cardinale protodiacono che si affaccia quindi dalla loggia della Basilica di San Pietro e dà l’annuncio ufficiale della nuova elezione con l’Habemus papam ai fedeli raccolti in preghiera.

 

Redazione online