Nuovo Parlamento, sui social network l’euforia dei grillini

Attivisti del Movimento 5 Stelle (getty images)

Mentre è in corso la seconda votazione per l’elezione del presidente della Camera dei Deputati, si susseguono sui social network le frasi di entusiasmo degli esponenti del Movimento 5 Stelle, al loro primo giorno di mandato parlamentare. Scrive Vito Crimi, capogruppo del M5S al Senato su Facebook: “A piedi verso Palazzo Madama con Bruno Marton la gente che ci incrocia e ci incoraggia a tener duro e a non mollare adesso non ha prezzo”.

Si affida a Twitter, il neosenatore Marco Scibona, già consigliere regionale in Piemonte e considerato molto vicino al Movimento No Tav: “Stiamo per entrare nei palazzi del potere per dargli il giro”. Lancia un tweet anche Gianluca Vacca, eletto alla Camera: “Oggi inizia la XVII legislatura, quella del cambiamento, della svolta: in bocca al lupo a tutti noi, in bocca al lupo Italia!”.

Più lungo il commento su Facebook di Alfonso Bonafede, neodeputato: “In viaggio per Roma, a pochi minuti dall’ingresso di milioni di cittadini all’interno del Parlamento. E’ un traguardo importante di cui andare orgogliosi ma, nello stesso tempo, deve essere un nuovo punto di partenza! Sono consapevole del fatto che tanti italiani ripongono tante speranze in questa nuova legislatura (o meglio, in questo nuovo Parlamento)! Faremo di tutto per essere all’altezza di questa speranza”.

Intanto, sul proprio blog, Beppe Grillo, riprendendo una conversazione tra Lamberto Dini e Beppe Pisanu pubblicata ieri su Repubblica, in cui il primo, rivolgendosi al secondo, afferma: “Se i grillini arrivano in commissioni delicate come l’Antimafia o il Copasir è un problema. E tu lo sai”, attacca: “Un ex-iscritto alla P2 alla commissione parlamentare di controllo dei servizi segreti? E perché no? Si tratta di Fabrizio Cicchitto, già capogruppo PDL alla Camera. Secondo un lancio di agenzia ‘la sua nomina oltre a placare le ambizioni interne al Pdl, leverebbe la presidenza del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica ai grillini che l’hanno richiesta…’ Ecco la geniale idea dopo che ieri due ‘vacche sacre’ come Dini e Pisanu hanno espresso i loro timori che al M5S potessero andare le presidenze di importanti commissioni”.

 

Redazione online