Bendetto XVI (Foto: ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Si incontreranno oggi il neoeletto pontefice Jorge Mario Bergoglio e Joseph Ratzinger, papa dimissionario dal 28 febbraio e ora papa emerito della Chiesa Cattolica. Francesco I si recherà a Castel Gandolfo, la residenza estiva del Vaticano dove al momento risiede Benedetto XVI, e qui potrà finalmente dialogare e colloquiare in privato con l’ex papa, dando origine ad un evento epocale nella storia del mondo e della Chiesa.

Si tratta infatti, a ben guardare, del primo incontro di questo genere: mai prima d’ora un pontefice in carica aveva intrattenuto una conversazione cordiale e pacifica – come si prevede sarà quella tra i due papi – con il papa che lo aveva preceduto. La storia del Vaticano non è infatti esente dal fenomeno della dimissione papale, ma quando questo si è verificato le dinamiche sono state diverse. Basta pensare al rapporto che intercorreva tra Bonifacio XVIII e il dimissionario Celestino V: l’uno, timoroso di essere spodestato da un dietrofront dell’ex pontefice, costrinse l’altro a finire i suoi giorni chiuso in un castello inespugnabile.

“Desidero proprio che il dialogo tra noi aiuti a costruire ponti fra tutti gli uomini, così che ognuno possa trovare nell’altro non un nemico, non un concorrente, ma un fratello da accogliere e abbracciare”, aveva detto ieri Francesco I annunciando l’incontro.

Secondo l’addetto stampa del Vaticano, padre Federico Lombardi, giornalisti, fedeli e curiosi non potranno assistere in nessuna maniera al colloquio. Secondo quanto previsto dovrebbe essere reso disponibile un video realizzato dal Ctv e verranno scattate e diffuse alcune fotografie.

 

Redazione online