Corea del Nord: chiesto agli stranieri residenti nei pressi di Seoul di lasciare il paese

kim_jong_un
Kim Jong-Un (getty images)

La Corea del Nord ha inviato un nuovo allarme nei confronti degli stranieri che vivono tra i confini della penisola coreana. Dopo l’invito rivolto agli ambasciatori presenti sul territorio di Pyongyang, oggi il governo di Kim Jong-un ha fatto sapere che sarebbe opportuno se tutti i residenti stranieri di Seoul e dintorni lascino il paese se vogliono preservare la loro incolumità.

La comunicazione diffusa dalle autorità nordcoreane è stata giustificata dal fatto che le due nazioni della regione potrebbero essere coinvolte in una guerra imminente che minerebbe l’incolumità dei presenti.

Dimostrazione dell’effettivo e prossimo intervento di Pyongyang a livello militare non sono ancora state date e, nonostante si sia notata un’intensificazione delle attività nei siti dedicati alle operazioni di lancio e di verifica dell’attrezzatura missilistica, si sta diffondendo l’idea che il regime di Kim Jong-un stia forzando a livello propagandistico su una situazione che è tutt’altro che sul punto di scoppiare.

 

Redazione online